Falsa partenza – 20 ottobre 2019

Giornata impegnativa per i nostri colori impegnati nei vari campi della regione.
I piccoli rinoceronti della 10 e della 8 hanno giocato a Frascati, mentre i falchetti sono andati a difendere i nostri colori a Montevirginio
Numeri importanti schierati oggi: 27 atleti under 10 e 22 under 8.
Quasi 50 mini atleti in campo.
Numeri da record che ci fanno ben sperare.
Risultati? Mi dicono tanto divertimento e coinvolgimento per tutti (per la cronaca i rinocerontini della 8 e della 10 le vincono tutte, mentre i falchetti sia della 8 che della 10 ne vincono 1 e ne perdono 2 ma si battono tutti con ardore).
Bravissimi.
Nel pomeriggio scendono in campo i seniores del RNS per la prima di campionato.
Squadra rinnovata ma vecchi problemi .
Abbiamo deciso di rifare la squadra seniores dopo le macerie di fine stagione scorsa.
C’è stato un cambiamento di denominazione sociale ed anche di organizzazione.
Abbiamo scommesso su questi ragazzi e devo dire che la presenza agli allenamenti non sono mancati.
Avere oltre 30 ragazzi che hanno deciso d’impegnarsi a difendere i nostri colori era impensabile solo tre mesi fa’.
Bene adesso però è necessario superare tutti i nostri limiti sopratutto mentali che ci attanagliano e impediscono di fare il salto di qualità.
Anche oggi perdiamo una partita che era difficile pensare di perdere.
Un canovaccio già visto.
Primo tempo dominato e giocato con concentrazione e chiuso con un parziale di 13 a 3.
Tanti errori ma anche tanta applicazione fanno sì che segniamo meno di quello che meritiamo.
Secondo tempo…. il buio.
Potrei soffermarmi su tanti episodi strani che hanno condizionato il match ma credo non sia giusto.
Ho rivisto tanti atteggiamenti del passato che pensavo avessimo superato, una squadra superficiale, presuntuosa e chiacchierona.
Perdiamo per indisciplina, litighiamo fra noi e diamo uno spettacolo di noi stessi miserrimo.
Non mi interessa valutare i tanti errori tecnici fatti (che possiamo migliorare) sono sopratutto amareggiato dai nostri comportamenti assolutamente non rugbystici.
Mi lascia ben sperare il nostro primo tempo e la capacità, quando vogliamo, di saper essere squadra e sopratutto di essere individualmente uomini e non coattelli di periferia.
Abbiamo scommesso su noi stessi e andremo fino in fondo insieme con la consapevolezza che c’è tanto da fare e da faticare.
Rns vs Tivoli 13 a 16
Labor omnia vincit“.
stoppredoni@iostoconilrns
Paolo