post

Torneo Bottacin – Padova – 1 Maggio 2018

1 maggio 2018

37° edizione Bottacin

E’ in programma lunedì 1 maggio 2018 il Torneo “Pino Bottacin”, che si può considerare il principale torneo nazionale di minirugby tra quelli che si disputano in una sola giornata. Andrà in scena al “Centro Geremia” del Petrarca Rugby, ed è giunto all’edizione numero 37. E’ riservato alle categorie Under 6-8-10-12, e come da tradizione il vincitore del Torneo è un’unica società. Il Trofeo infatti viene assegnato al club che consegue nel complesso la somma dei migliori risultati per ciascuna categoria in competizione (Under 8 – 10 -12). Vince insomma la scuola di rugby più che il singolo piazzamento. Il trofeo viene assegnato per un anno al club vincitore, e rimesso in palio l’anno successivo. L’edizione 2017 è stata vinta dal Valsugana Rugby.

Pagina del Torneo

post

Resoconto di Paolo Ruggero – Domenica 8 Aprile

IL LAVORO PAGA.
Ritorno a scrivere dopo un po di tempo, devo confessarvi che alcune situazioni sportive e non mi avevano molto amareggiato, io che credo fermamente nel lavoro e nella abnegazione avevo provato disgusto verso alcuni comportamenti a cui siamo stati costretti ad assistere.
Ho preferito il.silenzio piuttosto che la lamentela sterile.
Il lavoro alla polemica.
Oggi la grande famiglia biancoverde ha celebrato una bellissima giornata sportiva.
Sotto un sole primaverile tutti ma proprio tutti si sono spesi senza risparmiarsi alla riuscita del primo memorial Rosanna Salmaso.
Beh è stato un successo che a me a fatto commuovere e chiudendo gli occhi ricordare da dove siamo partiti.
Veramente un gruppo di incoscienti capitanati da mio padre ed eccoci ad oggi una famiglia di 250 elementi che sa suonare una sinfonia celestiale quando si impegna.
Grazie a tutti voi.
I risultati…. vince il Rns ed i Rinos, vince il biancoverde, vincono i valori umani e morali, vincono i sogni e perdono gli invidiosi.
Per la cronaca oggi veramente vincono tutti…. dalla 8 ( bellissimo secondo posto), poi la 10 ma prima ancora la U14 la U16 e la 18.
IL LAVORO PAGA
In ultimo vincono anche i Rinos in un fondamentale scontro al vertice.
Certo la partita non è stata bella ne tecnicamente giocata bene, ma oggi i ragazzi hanno lottato come leoni per 80 minuti.
Tutti i nostri problemi(dovuti alle tantissime assenze) sono stati superati dalla voglia di lottare dei nostri ragazzi.
Il lavoro di un anno e mezzo comincia a concretizzarsi e il sogno di giocarci l’accesso agli spareggi sempre più vicino.
Sembra ieri quando anche qui abbiamo deciso di metterci in gioco fondando la squadra seniores…. tanto fango abbiamo mangiato e tanto ne mangeremo ancora ma adesso possiamo dire che esiste una squadra unita e non più un gruppo di scarpe sciolte.
IL LAVORO PAGA.
E adesso attenzione alta per le prossime partite.
Rinos vs Villa pamphili 5 a 0
Man of the match.
Spanu oggi veramente un guerriero in campo, certo sbaglia un sanguinoso 2 contro 1 ma intimorisce gli avversari con la sua presenza e riesce pure a parlare poco.
Credo che a questo miracolo abbia contribuito Rampa oggi in formato esorcista.
Concludo con le nostre fantastiche mamme brave in campo nel touche esibizione, ma ancora di più nel preparare dolci squisiti

Ad astra per aspera.
Paolo Ruggiero

post

Resoconto Domenica 18 Febbraio 2018 – Paolo Ruggiero

Rinoceronti…. Rinocerontini e Rinocerontesse eccovi il consueto report sui nostri ragazzi/e .
Iniziamo con le nostre 14 impegnate una a Corviale e l’altra a Ponte Galeria.
Superati i terremoti della scorsa settimana i nostri ragazzi giocano benissimo.
Il primo gruppo al cospetto di un ottima squadra gioca a Corviale una partita convincente, molto fisica, ancora costellata da molti errori individuali ma dove abbiamo registrato una buona crescita collettiva.
Sbagliamo ancora molto ma la concentrazione e la consapevolezza aumenta di giorno in giorno.
Arvalia Villa pamphili – Rns 7 a 44.
Il secondo gruppo squadra ben si comporta formando, visto il numero non sufficiente dei nostri ragazzi, con il Torvaianica un unica squadra e gioca vs le fiamme oro impattando 31 a 31.
Bravissimi tutti.
Molte brave anche le nostre dame che guidate da Luca ben si comportano al torneo touche alla capitolina.
Domenica i nostri atleti mignon della 7, 8 e della 10 scendono in campo a Civita Castellana e come al solito ben figurano.
La 8 e la 10 si aggiudicano l’ennesimo raggruppamento mentre i piccolini sotto età cominciano a dare filo da torcere agli avversari vincendo alcune partite e cedendo solamente alla maggiore fisicità degli avversari.
Belli e bravi come al solito.
La 16 invece perde con onore giocando una partita gagliarda.
Esistono sconfitte e sconfitte quella di oggi ha regalato molti sorrisi ai nostri tecnici.
I ragazzi pur in numero esiguo si battono con coraggio perdendo vs la franchigia di latina per 5 mete a 2 ( non so il risultato preciso)
Certo il risultato non ci ha sorriso ma la prestazione lascia ben sperare anche in vista del prox. anno
SALVIAMO IL RISULTATO.

Nel pomeriggio rientrano i campo i seniores vs gli All Reds.
Mentre nelle categorie inferiori io guardo quasi esclusivamente alla prestazione con il primo xv il risultato ha un importanza fondamentale.
Ebbene oggi vinciamo giocando molto male, soffrendo oltremodo ma portando a casa 4 punti preziosissimi.
Oggi quindi SALVIAMO IL RISULTATO ben sapendo che con prestazioni del genere non si va lontano.
Eppure eravamo partiti fortissimi…. pronti e via e subito 13 a 0 per noi con 2 mete marcate, tutto lasciava pensare ad una partita facile.
Ma siccome le cose facili non ci piacciono teniamo vivi i nostri volenterosi e poco più avversari.
Regaliamo loro 7 punti alla fine del primo tempo, ci facciamo imbrigliare dal loro gioco confusionario, non ragioniamo, sbagliamo l’inverosimile e non riusciamo a mettere punti sul tabellone per oltre 60 minuti.
Li sfidiamo su un gioco intorno al pacchetto di mischia ma non siamo efficaci sia per i nostri continui errori e sia anche per l’interpretazione data dall’arbitro sui punti d’incontro.
Entriamo nel loro terreno di gioco e rischiamo di rimanerci impantanati, perdiamo la testa e addirittura non segniamo una meta uscendo fuori dal campo.
Subiamo moltissimi calci di punizione contro, rimane comunque un mistero come la squadra che conduce il gioco in maniera netta subisca continue penalizzazioni mentre chi praticamente non ha mai il possesso della palla sia premiato nella difesa ad oltranza.
Dopo 2 discutibili calci di punizione giudicati dall’arbitro fuori grazie all’ausilio della guardalinee segniamo altri 6 punti e chiudiamo la partita sul 19 a 10.
Complimenti ai nostri avversari mai domi mentre a noi tanto lavoro ci aspetta per migliorare sia fisicamente che tecnicamente e per poter meritare e mantenere l’attuale secondo posto.
Man of the match POGGI.
L’ultimo arrivato, sbuffa lotta e cerca di mettere concretezza ad un squadra oggi acefala.
Benvenuto Vittorio

Ad astra per aspera
Paolo Ruggiero

post

Resoconto di Domenica 10 Dicembre – Paolo Ruggiero

Biancoverdi assiderati eccovi i risultati dei nostri ragazzi.
Oggi scendevano in campo tutti i nostri atleti ad eccezione della 12 e della 6 ed è stata una giornata agrodolce.

Cominciamo come sempre dalla 14 che gioca il sabato.
In quel di Ponte Galeria portiamo 26 ragazzi e riusciamo con il secondo gruppo a giocare grazie ai prestiti delle fiamme oro.
Con il gruppo più esperto giochiamo vs le fiamme oro 1 e disputiamo una partita eccellente.
Sempre concentrati ed aggressivi facciamo vedere a tratti un gioco corale ed interessante, pecchiamo grandemente invece sui p.i. e non è una novità…. siamo lenti e molli e perdiamo costantemente il confronto con gli avversari. Dovremo lavorare molto su questo aspetto.
Vinciamo agevolmente 75 a 0.
Il secondo gruppo under 14 di batte con onore e vincendo il freddo pungente il secondo tempo riesce anche a segnare 4 mete.
Perdiamo nettamente ma registriamo una crescita costante.
Bene così.

Sempre sabato nel torneo touche di Roma giocano, si divertono e ben figurano le Wild.
Tanto divertimento qualche polemica che da pepe e va bene così
Segnalo che dopo queste prestazioni è seriamente a rischio la panchina di Luca (non mangia il panettone😂😂😂).

Ed eccoci ad oggi
In quel di Viterbo la nostra 16 molto rabberciata perde nettamente vs i padroni di casa 50 a 5 soffrendo lo strapotere fisico dei nostri avversari.
Un forte abbraccio a Flavio oggi uscito gravemente infortunato dalla partita.
La 18 di cui non conosco esattamente il risultato perde vs il Latina ma non di molto giocando mi dicono bene e con grinta.

In mattinata vanno in scena sia l’under 7 che l’under 8 oggi per una volta divise.
La 7 nel gelo di Civita Castellana gioca bene e paga la fisicità degli avversari e nonostante il freddo riesce a vincere 2 partite e a divertirsi.. eroici.
La 8 gioca a Roma in un concentramento un pochino più elevato tecnicamente.
Fa freddo anche a Roma ma i nostri bimbi sembrano non sentirlo e sbaragliano la concorrenza. ( finale vs Civitavecchia 8 a 1).

La 10 ovviamente per non essere da meno vince anch’essa il raggruppamento battendo tutti gli avversari. (finale vs Capitolina 4 a 3) e giocando molto bene.

Nel pomeriggio vanno in scena i Rinos.
È ARRIVATO BABBO NATALE.
Che l’avversario fosse tosto lo sapevamo, che fra 15 giorni arriva Natale anche, quello che non era prevedibile e che decidessimo di distribuire regali in anticipo.
Iniziamo subito nel regalare ai nostri avversari diversi giocatori indisponibili ( ma lo sapevamo), poi aggiungiamo la defezione dell’ultimo secondo del nostro calciatore che tradisce la mia fiducia e quel che é più grave incrina la fiducia dei suoi compagni con cui ha sudato e sofferto insieme.
Nella vita si può sbagliare ma bisogna riconoscere le persone che ti vogliono bene e non tradirle.
Sono sicuro che Riccardo comprenderà le mie parole e se vorrà sarà in grado di recuperare la fiducia di tutti con i fatti e non con le parole.
La partita segue il canovaccio natalizio.
Un po destabilizzato nel dover cambiare formazione all’ultimo istante entriamo in campo ed invece di fare quadrato continuiamo a regalare ai nostri avversari situazioni e opportunità che ovviamente gli scaltri ragazzi del Monte Virginio raccolgono.
Andiamo sotto e non riusciamo a reagire alle situazioni avverse, commettiamo una serie infinita di errori e regaliamo punti agli attenti avversari.
Il Monte Virginio capisce immediatamente che non abbiamo un calciatore non dico bravo ma nemmeno decente da schierare ( errori allucinanti dalla piazzola ma non solo) e giocano sempre sul filo del regolamento sapendo di non pagare dazio da sanzioni arbitrali.
L’ottimo arbitro ci consegna una infinità di opportunità per segnare al piede ma oggi non era proprio giornata.
Perdiamo 22 a 10 con 2 mete a testa ma con 4 punizioni realizzate dai nostri avversari e zero punti al piede da parte nostra.
Onore ai nostri avversari che hanno saputo far fruttare al meglio i nostri errori e le nostre lacune.
Usciamo a testa bassa … oggi abbiamo perso una battaglia ma la guerra si deciderà a maggio .
Se pensavamo di poter vincere il campionato senza faticare oggi ci siamo risvegliati e questa sconfitta riportato alla realtà.
Una cosa però voglio sottolineare oggi tutti si sono battuti senza risparmiarsi e questo è motivo per me di grande orgoglio.
Certo magari la prossima volta cerchiamo di essere meno generosi con i nostri avversari.
Domenica ci aspetta una difficile trasferta sui monti Cimini.
Non si molla nemmeno di un centimetro.

Ad astra per aspera.
Paolo Ruggiero

post

Rubrica Genitori e Figli – Under 8

Marco nasce da un parto gemellare e come in quasi tutte le coppie di gemelli, dove c’è uno che emerge e l’altro che segue, a lui tocca il compito ingrato di seguire.
Marco cerca di sforzarsi a raggiungere livelli per lui impossibili, parla poco e male , Maria gli ruba completamente la scena ed a volte gli fa anche da interprete simultanea.
“Sai mamma Marco ti voleva dire…..”
Si sforza, ci prova, ma lontano dalla sua metà non era niente e nessuno.
Era frustrato, nervoso , violento e sensibilissimo.
Cominciamo l’odissea della Logopedia e della Psicomotricità, ha un disturbo del linguaggio e
dell’ attenzione dicono.
Sono anni difficili e di grandi sforzi economici e non, di figuracce e scuse generali col resto del mondo che non sa e non capisce.

Le cose migliorano , ma adesso Marco attore protagonista della sua vita e staccato dalla sua altra metà, deve aprirsi al mondo….
“ Deve fare uno sport di gruppo! “ ci dicono.
Ci guardiamo intorno e sul nostro cammino incontriamo la “ Nuovo Salario”.
Scambi di E-mail, lezioni di prova, entriamo anche noi nel mondo della Palla Ovale.
Non abbiamo incontrato una Società o una squadra di Rugby:

“ Abbiamo incontrato una nuova Famiglia!!!!”

Qui non si scoprono e coltivano solo talenti, qui si crescono UOMINI.
Marcolino come lo chiamano i suoi compagni non è un campione di Rugby, fa il suo e non brilla di luce propria, fondamentalmente si diverte…
Marco oggi non è più frustrato, non è più aggressivo, ma è il Bambino solare e sensibile di sempre che oggi socializza e non ha PIU’ problemi di comunicazione.
Marco vive in mezzo al mondo ed al suo gruppo come se nulla fosse mai successo.

Ragazzi noi abbiamo Vinto , questa è la nostra più bella META.
Grazie Nuovo Salario !

Arianna Mamma di Marco M.

post

Rubrica Genitori e Figli – Under 8 Mentana

TU CHIAMALE SE VUOI EMOZIONI
E’ un pomeriggio come tanti, si esce da scuola “dove andiamo?”, “che ne dici, andiamo
a vedere gli allenamenti del rugby, è un po’ che te ne parlo”, “ok”.
Arriviamo al campo hanno appena iniziato, c’è anche Mister Francesco è grazie a lui se
siamo qui.
Ci mettiamo seduti sui sedili della tribunetta, poi scendiamo in campo e
subito ci presentiamo Mister “Peppe” tenta il primo approccio ti prende da parte, ti
parla, ti vedo poco convinto fai no con la testa, non insiste ma con la sua esperienza
capisce che il messaggio è partito.
Iniziano gli allenamenti, ci mettiamo a bordo campo ad assistere poi inizia la partitella conclusiva; che peccato sono solo in 7: “dispari si gioca male, certo che se ti piaceva potevi provare”, sorridi e dici “posso?”, “vai”.
E’ passato poco più di un mese, non si salta un allenamento.
Il primo raduno a Roma, io non posso esserci, ti seguo via WhatsApp (l’unica volta che approvo la tecnologia), torni quante cose hai da raccontarmi. Il primo allenamento al Nuovo Salario, ci sono, ti vedo da dietro la rete, quella rete che mi ha dato la spinta a scrivere queste due righe.
Inizi tutto ok, poi un esercizio che ti sembra difficile ti blocchi. Il Mister Simone ti incita.
Scuoti la testa. No. Mi armo di coraggio e di occhiali da sole a specchio, devo nascondere
l’emozione, da dietro la rete parliamo provo a darti fiducia, niente, poi allunghi la
mano, chi dei due sta caricando l’altro? Mi sale l’emozione resisto, dai “campione ce la fai”.
Riparti è tutto ok. Torniamo a casa si parla di domani trasferta a Rieti questa volta sono presente. Sveglia presto, arrivo e si parte, foto tattica con la tuta, ma si postiamola “Rieti sto arrivando”.
Il resto? E’ tutto qui.
Grazie a tutto lo staff per farmi provare queste emozioni.

Il Nonno di Alessandro Pilotti under 8 di Mentana

post

Rubrica Genitori e Figli – Under 8

Penso di sintetizzare il pensiero di tanti dicendo che l’avventura più bella della vita sia vedere crescere i nostri figli.
Una avventura che regala in ogni istante sfumature di diversi colori, quasi sempre a tinte brillanti, altre meno, ma tutte importanti per la crescita sia nostra che dei nostri ragazzi.
Questo stupendo sport, iniziato quasi per caso nella primavera di quest’anno, sta dando tanto a noi come genitori ma soprattutto a Leonardino.
E la crescita più evidente la sta avendo Leonardino stesso, che lotta sempre insieme ai suoi compagni, ci mette sempre il meglio di se e quando lo vedi combattere con così grande intensità e coraggio, aiutandosi sempre l’uno con l’altro…….beh, in tutta sincerità, si stringe lo stomaco.
A volte fa fatica certo, la fisicità non lo aiuta, ma questo sport sta forgiando anche il suo carattere e quando riesce a scappare stringendo forte la palla verrebbe da correre in campo insieme a lui.
Il suo primo torneo, la sua prima meta, ma soprattutto il vederlo scherzare e giocare con grande semplicità e spontaneità, come è giusto che sia alla loro età, con i suoi compagni sia in allenamento che durante i raggruppamenti, rappresentano istantanee di vita, momenti di crescita, che questo sport unico regala.
E’ la chimica generale che risulta magica, anche grazie alla società, agli allenatori ed accompagnatori il coinvolgimento cresce di giorno in giorno, allenamento dopo allenamento, partita dopo partita.
Per concludere possiamo dire che è vero che il Rugby oltre che uno sport è una scuola di vita, ne abbiamo le prove!!

Leonardo Ottone Under 8 e Mamma e Papà